LOCANDA DEI CINQUE CERRI - SASSO MARCONI

In questa sezione trattiamo di un aspetto che ha reso Bologna famosa in tutto il mondo: La Gastronomia.
Troverete recensioni riguardanti ristoranti, osterie, trattorie, pizzerie, agriturismi, locande, gastronomie, rosticcerie, bar, self-service, fast food, fornai e tutte le altre attività che distribuiscono cibi e bevande, ovviamente esclusivamente esercizi che gravitano nel comprensorio di Bologna e provincia.
Potete integrare le recensioni con i vostri commenti o segnalarci realtà interessanti non ancora recensite scrivendoci a gastronomia@bolognesita.it

Moderatore: Paolo Trevisani

Re: LOCANDA DEI CINQUE CERRI - SASSO MARCONI

Messaggioda Alfonso Buriani » 27 febbraio 2010, 13:41

Gentilissimo Sandro Frigerio,

vado anch'io con il "tu", nonostante non ti conosca personalmente.

prima impressione: intanto grazie dell'intervento, per le risposte pacate, la gentilezza ed il tono generale con il quale ti poni. Credo sia di estrema importanza che anche i "ristoratori" ed i "gestori" intervengano in questo forum. E lo facciano con i modi che hai scelto e non con vaneggiamenti ed imposizioni come ha tentato qualcun altro qui dentro. Non sempre il ristoratore ha ragione, così come il cliente NON ha sempre ragione. Se questo forum diventerà terreno di confronto, penso che potremo crescere tutti di più. E questo può avvenire solo con interventi come il tuo.

Piccola premessa: due "delusioni" ... la mancanza del roast beef ed il fatto che rimasi a fine estate scorsa con la notizia che vi sareste trasferiti in Bologna o vicinanze. Penso che Bologna città abbia bisogno di linfa dal punto di vista della ristorazione, in provincia o "fuori" Bologna il mercato è sicuramente più "vivo". Evidentemente avrete le vostre ragioni per esservi stabiliti ai 5 cerri e non vorrei che la presente fosse presa come una richiesta. Non lo è, i motivi sono vostri. Ma vi attendevo in centro città ... Ma la notizia della "riapertura" mi ha subito entusiasmato proprio perchè al Pilastrino ero stato veramante bene!
Sul roast beef è solo una "battuta" ... ognuno varia il proprio menu come meglio crede. Qui però una spiegazione non mi dispiacerebbe: perchè mi ha detto di considerare il roast beef un piatto "estivo"? Non è una domanda con tranello o retorica, è che proprio non capisco la ragione.

Capitolo "pomodoro": ribadisco quello già scritto in precedenza. Amo il pomodoro e considero l'utilizzo del medesimo importantissimo. Proprio per questo ho segnalato, a mio modo di vedere (pertanto criticabilissimo), quello che ho considerato un utilizzo esagerato durante la mia esperienza.

Capitolo "gramigna": la mia impressione è che non fosse "al torchio". Ciò non significa che ciò sia vero, non ho controprove. Se non, come affermi nel tuo intervento, che sia così. Cosa della quale non posso dubitare. Per cui la pongo in altro modo: era una gramigna al torchio che non mi è piaciuta, sia per la pasta che per il condimento.

Capitolo "mascarpone": non credo di averlo definito "banale", scusa ma non ho tempo di rileggere. Se l'ho scritto ho fatto un errore. Non lo considero "banale", bensì lo considero (quasi) identico allo stesso che fa mia moglie in casa. E questo non significa che sia "banale" o un non ottimo mascarpone. Lo era, così come lo è quello che fa mia moglie. Ottimo e non banale! Ma una "semplice" crema di mascarpone ... non banale, ma "semplice" nel senso che non lo trovo un piatto particolarmente "articolato" nella preparazione. Per quanto riguarda quindi la "sfida", rilancio: vieni a cena a casa nostra una sera e vediamo ... Ma ribadisco, la crema di mascarpone era ottima, come quella di mia moglie. Se poi la vostra filosofia, come mi sembra di capire, sia riproporre una cucina di stampo "casalingo" riproposta con l'utilizzo di materie prime ottime, benissimo la condivido però ogni tanto si "esce" per provare qualcosa che in casa non si mangia. Spero di non essere frainteso ...

Capitolo "Vallania": concordo, è uno dei migliori vinificatori locali. Purtroppo, o per fortuna (dipende dai punti di vista), ho la tendenza ad apprezzare di più altre case di zone diverse d'Italia.

Concludo ringraziandoti ancora dell'intervento, sicuramente foriero di confronto aperto e con i giusti toni.

Tornerò sicuramente ai cinque cerri, così come sicuramente riporterò il mio sincero giudizio qui dentro. Sia per sottolineare gli aspetti positivi che quelli, a volte, negativi ...

Un caro saluto.

Alfonso Buriani
Alfonso Buriani
 
Messaggi: 209
Iscritto il: 2 dicembre 2008, 16:58

Re: LOCANDA DEI CINQUE CERRI - SASSO MARCONI

Messaggioda andrea » 27 febbraio 2010, 18:37

Se non fosse che già mi piaceva prima il Pillastrino e che quindi ci sarei prima o poi andato ai 5 cerri, vorrei fare i complimenti al Signore Frigerio per la gentilezza ed il tono del suo intervento.
Sono comportamenti come il suo che invogliano i nuovi -ed i vecchi- clienti a visitare un posto.
Bravo! qualcun'altro, a cui ha già fatto velatamente riferimento Buriani, avrebbe di che prendere lezioni.

Spero di venire a testare il nuovo locale al più presto!
andrea
 
Messaggi: 11
Iscritto il: 22 febbraio 2010, 10:10

Re: LOCANDA DEI CINQUE CERRI - SASSO MARCONI

Messaggioda locandacinquecerri » 3 marzo 2010, 11:07

Gentilissima Elisa,
anche io mi sono innamorato del posto che , fra l'altro, è molto comodo perchè è a 2 minuti dall'uscita di Sasso Marconi.
A presto
Sandro
locandacinquecerri
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 25 febbraio 2010, 11:39

Re: LOCANDA DEI CINQUE CERRI - SASSO MARCONI

Messaggioda locandacinquecerri » 3 marzo 2010, 11:35

caro alfonso,
in realtà sono io che considero il RB più estivo poichè quando l'ho fatto in inverno ho faticato a darlo via; in ogni caso se un cliente lo chiede lo faccio senza problemi.
Sono andato più a fondo riguardo alla gramigna ed ho rispolverato la trafila dei sedanini/gramignone. La pasta più consistente permette di apprezzare meglio la qualità delle farine (macinate a pietra "Molino del Dottore").
Ciao, Sandro
locandacinquecerri
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 25 febbraio 2010, 11:39

Re: LOCANDA DEI CINQUE CERRI - SASSO MARCONI

Messaggioda Alfonso Buriani » 3 marzo 2010, 22:24

Gent.mo Sandro,

tornerò al più presto e ti chiederò, con congruo anticipo, il RB "non banale".
Ritesterò la vostra gramigna al torchio con piacere.

Ribadisco che la signorilità dei tuoi interventi non possono che arricchire questo splendido forum.

Grazie ancora e a presto.

Alfonso
Alfonso Buriani
 
Messaggi: 209
Iscritto il: 2 dicembre 2008, 16:58

Re: LOCANDA DEI CINQUE CERRI - SASSO MARCONI

Messaggioda AlessandraMontanari » 19 dicembre 2012, 11:06

Gentilissimo Signor Trevisani,
Le scrivo in merito al Suo articolo apparso su Repubblica Venerdì 7 Dicembre su Sandro Frigerio, che vorrei rettificare per la chiarezza di tutti gli Amici e Clienti che l'hanno letto o che mi hanno chiamato perplessi:
nell'articolo si dice che Sandro e Sua moglie hanno gestito la Locanda dei Cinque Cerri dopo aver gestito il Pilastrino ed ora gestiscono una nuova trattoria a Bologna.
Sandro Frigerio ha collaborato con me per un periodo, dopo la chiusura del Pilastrino, ma Sua moglie non ha mai lavorato qui, nè fatto parte del mio staff. Il Ristorante della Locanda dei Cinque Cerri è stato sempre gestito da me in prima persona sino dalla Sua apertura e creazione nel 2004, e Sandro Frigerio è stato un mio collaboratore dal Gennaio 2010, fino a Giugno del 2012.
Il mio Ristorante non ha mai smesso di lavorare ed è come sempre gestito da me, e lo specifico dopo alcune chiamate di Clienti "confusi" dopo la lettura del Suo articolo, dalla quale hanno percepito una possibile chiusura della Locanda dei Cinque Cerri, o, peggio, un cambio dio gestione..
(A tal proposito La invito a visionare le recensioni su Tripadvisor, dove i recensori parlano di me e del locale, ma non di altre persone)
Lascio a Lei le considerazioni del caso, certamente le affermazioni riportate nel Suo articolo, non hanno portato dei benefici alla mia attività e all'immagine del locale.
Certa che si tratti non di un errore voluto, ma di una incomprensione tra Lei e Frigerio, rinnovo all'amico Sandro i più sentiti auguri per la Sua nuova attività.
Alessandra Montanari
AlessandraMontanari
 
Messaggi: 1
Iscritto il: 15 dicembre 2012, 23:04

Re: LOCANDA DEI CINQUE CERRI - SASSO MARCONI

Messaggioda Paolo Trevisani » 19 dicembre 2012, 13:04

Gent.ma Sig.ra Montanari,
mi spiace di averle portato disagio.
Certamente le avrà portato beneficio il mio articolo sulla Locanda 5 Cerri positivo di un paio d'anni fa.
Come minimo la sua attività avrà fatto una patta.
Buon lavoro
Paolo Trevisani
 
Messaggi: 418
Iscritto il: 29 settembre 2008, 8:24

Re: LOCANDA DEI CINQUE CERRI - SASSO MARCONI

Messaggioda Paolo Trevisani » 2 agosto 2013, 13:42

Torniamo a visitare, per la prima volta in estate, questo elegante agriturismo. Attraversiamo la rustica sala a volte con camino che viene utilizzata nel resto dell’anno e ci accomodiamo nel gazebo dall’atmosfera charmant. La soffusa illuminazione è affidata quasi esclusivamente alla fiammella delle tante candele sparse razionalmente su candelabri di diversa forgia, lo scricchiolante pavimento in legno scuro è coperto nelle zone di passaggio e sotto i tavoli da tappeti persiani. Tendoni fiorati alle finestre, specchi diversi per forma e dimensioni, qualche mobile, tra cui una libreria, completano l’arredo. Purtroppo soffriamo l’ubicazione del nostro tavolino, lontano dalle finestre e poco ventilato, per cui non ci godiamo la fresca serata e accusiamo il caldo, anche a causa delle lunghe tovaglie a pavimento. Il basso telo che incombe sopra le teste e vela il soffitto della struttura acuisce la sensazione claustrofobica. A chi fosse intenzionato a visitare questo locale, consigliamo la prenotazione di una postazione vicino alle finestre, certi che si godranno la location. Nel menu, avvolto in copertine dei vinili di Giuseppe Verdi, poche portate di impronta tradizionale. La carta dei vini è striminzita, una quindicina di etichette di poco pregio a basso prezzo. Tra gli antipasti, assaggiamo corrette crescentine fritte (4 euro) e la bilanciata insalata del cuoco: mozzarella su crostino e letto di pomodoro e melanzana (7 euro). Proseguiamo col gustoso risotto con i finferli, sebbene il sapore dei funghi non emerga (9 euro). Tra i secondi, optiamo per la tagliata di “Black Angus”, piccola, ma saporita (15 euro), che accostiamo alla padellata di verdure (4 euro), poche, ma buone. Goloso il dessert: sfogliata con crema chantilly e more di produzione propria (6 euro). Da rimarcare il servizio, sempre sorridente e cortese, ben dimensionato anche in presenza di una forte affluenza. Dall’antipasto al dolce si spendono 35-40 euro, con 3 euro per coperto e acqua microfiltrata.

;)
Paolo Trevisani
 
Messaggi: 418
Iscritto il: 29 settembre 2008, 8:24

Precedente

Torna a Bologna La Grassa

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron